venerdì, Giugno 14, 2024

I SALOTTI DI FAMILY BIZ

La Governance proprietaria, aziendale e familiare nei family business   

24 Ottobre 2024 - Grand Hotel Rimini 

Iniziativa in partnership con FORBES ITALIA

Per informazioni

Sei un un imprenditore di una azienda di famiglia?

VUOI RACCONTARE LA TUA ESPERIENZA?

prendi contatto con la redazione

La famiglia come sistema portante per la continuità dell’impresa

Il caso Centro Nautico Permare Srl- Amer Yachts

di Sofia Tarana

Nata nel 1973 per mano di Fernando Amerio, il Centro Nautico Permare è un family business con sede a Sanremo e conosciuto, in Italia e all’estero, per i suoi Yachts di nicchia a marchio Amer. Quella della famiglia Amerio è una vera e propria passione per il mare tramandata, attraverso l’impresa, da tre generazioni a questa parte che convivono e operano in armonia: insieme al fondatore, tutt’ora presente in azienda, ci sono i figli Barbara e Rodolfo e i nipoti che stanno entrando gradualmente. «È il piacere di lavorare insieme per una azienda che è stata creata per durare nel tempo e sopravvivere anche alle crisi cicliche che toccano il mercato del lusso» commenta il CEO, Barbara Amerio, nell’intervista sotto per le pagine di FamilyBiz. «La famiglia è il sistema portante».

Quali sono le tappe che caratterizzano questo Gruppo?

Qualità dei servizi attraverso crescita di competenze, inizio della costruzione di propri modelli e delocalizzazione in Toscana, inizio collaborazione con Volvo Penta per ridurre consumi ed emissioni, mantenimento del record di installazione di pod su imbarcazioni e navi da diporto, inizio della nuova realtà Amer steel e nuova sede operativa in costruzione a Pisa e nuovi uffici commerciali a Sanremo.

 

Un quadro attuale di Permare oggi

Un periodo di grande crescita di fatturato, di utili e di produzione con i due comparti composito e metallo, previsioni di fatturato sopra i 30 Mln/€ in miglioramento sul 2022, intorno ai 20 dipendenti che attivano oltre 300 addetti di indotto produttivo, attualmente ci sono tre unità di metallo in produzione da 40 a 70 mt. e 6 barche in composito con consegne previste fino al 2026 ed alcune trattative ancora in corso.

 

Vantate una conduzione familiare da ben tre generazioni: come avete rafforzato la leadership in queste diverse fasi?

Abbiamo scelto il modello inclusivo. Fernando Amerio, il fondatore, ha espresso la volontà, pur passando il testimone ai suoi figli e nipoti, di rimanere in azienda per dare il suo contributo dispensando consigli e rendendoci partecipi della immensa esperienza in campo nautico, è il piacere di lavorare insieme per una azienda che è stata creata per durare nel tempo e sopravvivere anche alle crisi cicliche che toccano il mercato del lusso. La famiglia è il sistema portante che contribuisce ad avere un rapporto dedicato con la clientela, che non incontra intermediari e dialoga in maniera diretta con la proprietà, che sia avvale di collaborazioni solide e basate sulla fiducia creata nel tempo con persone maturate nelle competenze specifiche-necessarie sia in campo tecnico che amministrativo.

 

Sul vostro sito si legge appunto di una terza generazione che sta iniziando il suo percorso: chi sono i successori coinvolti e come state allenando le loro competenze?

Al fondatore si sono aggiunti i figli ed ora stanno entrando gradualmente i nipoti per la maggioranza donne. L’ingresso in azienda è valutato per inclinazione e competenza. La prima, Noemie, è portata a seguire la parte tecnica di cantieristica ed avanzamento lavori, è multilingue dopo gli studi in Francia, ha fatto esperienza nella cantieristica navale delle società di proprietà della famiglia e segue alcuni clienti.

 

Cosa prevederà l’agenda delle future leader?

Crediamo in una economia di valore, dove non esiste solo la rincorsa ai maggiori utili, serve la conservazione e protezione del delicato ecosistema mare, una trasparenza ed una condivisione di intenti con tutti gli stakeholder, dipendenti e fornitori. Prodotti di nuova generazione che consentano fruibilità con una diversa consapevolezza. Un leader coraggioso deve contribuire anche a livello associativo. Noi abbiamo scelto di farci guidare dai goals dell’agenda 2030 in molte azioni sostenibili, così come abbiamo voluto introdurre il codice etico e il report di sostenibilità in modo volontario, il prossimo passo sarà la certificazione di parità di genere.

 

Che modello di governance avete? Conduzione familiare, ma c’è anche un management esterno? 

Entrambi, ben delineando i ruoli e le responsabilità, in passato avevamo soci di capitale, che ci hanno fatto crescere, poi abbiamo riacquisito le quote per tornare in maggioranza o soci unici questo ti abitua ad adattarti al confronto e ad intraprendere scelte per il futuro. Un grande insegnamento che abbiamo ricevuto è l’abitudine al decidere e pur ascoltando pareri a vivere la solitudine della scelta in autonomia; senza decisioni a volte anche dolorose le aziende non sopravvivono.

 

Apertura del capitale: cosa mi dice al riguardo per il suo family business? 

In un momento di successo e grande crescita stiamo analizzando le opportunità che ci arrivano sul tavolo, abbiamo numeri interessanti da valutare ed un potenziale di crescita, facciamo parte della storia nautica italiana del diporto con una azienda di famiglia, pur esportando non abbiamo mai puntato sul grande mercato americano. Continuiamo ad investire in ricerca e sviluppo e a creare una produzione di nicchia alla ricerca di riduzione consumi ed emissioni, con motorizzazioni innovative di cui fino ad oggi deteniamo il record nelle applicazioni.

 

Related Posts