sabato, Giugno 15, 2024

I SALOTTI DI FAMILY BIZ

La Governance proprietaria, aziendale e familiare nei family business   

24 Ottobre 2024 - Grand Hotel Rimini 

Iniziativa in partnership con FORBES ITALIA

Per informazioni

Sei un un imprenditore di una azienda di famiglia?

VUOI RACCONTARE LA TUA ESPERIENZA?

prendi contatto con la redazione

Una governance informale nelle scelte chiave del family business

Il caso di PPInox Srl

di Annarita Cacciamani

Processi decisionali rapidi e un modello di governance informale- queste le caratteristiche dell’organizzazione e della leadership di PPinox Srl. Il family Business, fondato nel 1979 da Claudio Cormanni (con il supporto della madre Angela), realizza piattine e profili in acciaio inox a Cerro Maggiore, nel milanese. Negli anni l’azienda è cresciuta, diversificando le proprie produzioni e aprendosi ai mercati internazionali. Oggi conta 48 dipendenti e ha toccato un fatturato di 39 milioni, mentre la controllata al 51% ITC Srl conta 25 lavoratori per un fatturato di 35 milioni.

«Lavoro nell’azienda di famiglia dal 2015 e mi occupo di commerciale, estero, risorse umane e sicurezza – racconta Chiara Cormanni, New business e HR Director dell’azienda – . Amo molto il mio lavoro e sin da ragazzina desideravo lavorare nell’azienda di famiglia. E in futuro mi piacerebbe poterla guidare con gli altri membri della mia famiglia». Chiara si è laureata in Economia aziendale all’Università Bocconi di Milano, dove ha poi conseguito un master in Marketing e Comunicazione.

All’interno di PPInox lavorano diversi componenti della famiglia Cormanni. Claudio è l’amministratore unico e leader dell’azienda ed è affiancato nella leadership dal fratello minore Massimo e dalla figlia Chiara. «Le decisioni più importanti sostanzialmente le prendiamo mio padre, mio zio ed io. Non abbiamo formalizzato però organi di alcun tipo o procedure particolari, ci muoviamo in modo molto snello e, per così dire, “smart”. Quando dobbiamo decidere qualcosa troviamo un momento per parlare, discutere e confrontarci e decidiamo insieme. Cerchiamo di muoverci in modo abbastanza rapido» spiega Chiara.

Chiara, qual è il suo ruolo in azienda? Quali altri componenti della sua famiglia vi lavorano?

Sono entrata in azienda nel 2015. Una volta terminati gli studi universitari, ho lavorato in altre aziende e ho vissuto anche una bellissima esperienza di tre anni nei Paesi Bassi. Era un ufficio con persone di tante nazionalità diverse: è stata un’esperienza davvero molto formativa. Terminati quei tre anni, avrei dovuto trasferirmi in Cina: in quel momento mio padre decise che era arrivata l’ora di farmi entrare nell’azienda di famiglia prima che la mia carriera mi portasse definitivamente altrove. All’interno di PPInox, mi occupo di commerciale, estero, risorse umane e sicurezza. Però, come a volte capita nelle aziende di famiglia, il mio ufficio ogni tanto diventa quello delle “varie ed eventuali”, nel senso quando non è chiaro chi deve occuparsi di una questione, finisce da me.
Oltre a me in azienda lavorano mio padre Claudio che segue tutta la produzione insieme ad un ingegnere (esterno alla famiglia, ndr) con noi da oltre 20 anni, mio zio Massimo che si occupa di commerciale e mia madre Donatella, presente da tanti anni, che si occupa degli aspetti organizzativi dell’azienda e dei fornitori. Infine, da 4 anni è entrata in PPInox anche mia sorella Irene che segue la logistica.

 

C’è un leader nella vostra azienda? Come è organizzata la governance e come vengono prese le decisioni?

 

Il leader dell’azienda è mio padre, che traina tutto con entusiasmo, competenza e passione. C’è poi mio zio che lo affianca da tanti anni, con il quale ha sempre avuto un bellissimo rapporto, sia personale, sia professionale. Infine, da qualche anno, sono arrivata anche io. Le decisioni più importanti sostanzialmente le prendiamo noi tre. Non abbiamo formalizzato però organi di alcun tipo o procedure particolari, ci muoviamo in modo molto snello e, per così dire, “smart”. Quando dobbiamo decidere qualcosa troviamo un momento per parlare, discutere e confrontarci e decidiamo insieme. Cerchiamo di muoverci in modo abbastanza rapido.

 

C’è un segreto per far convivere al lavoro più generazioni di una famiglia?

Secondo me chi entra in un’azienda deve porsi con molta umiltà e rispetto verso chi ci lavora da anni e ha fatto sì che l’impresa crescesse e si sviluppasse. I nuovi arrivati devono imparare da chi ha messo sangue e sudore nell’azienda. Io, ad esempio, quando ho iniziato a lavorare in Ppinox ho imparato e fatto tante cose, occupandomi anche delle cose più basilari come preparare una bolla. Nello stesso tempo, i più esperti devono dare fiducia ai più giovani e lasciarli fare e lavorare, adattandosi anche ai cambiamenti e alla novità che con il tempo sono arrivate. Penso. ad esempio. alla tecnologia o alle normative da rispettare che negli anni sono cambiate molto e, in tanti casi, diventate più complicate.

 

Come vede Ppinox tra 10 anni? Qualcuno in azienda sta studiando per diventare il leader del futuro?

Lavorare nell’azienda di famiglia è sempre stato un mio grande desiderio. Già alle scuole medie ero convinta di volere entrare in PPInox una volta terminati gli studi. Ci sono arrivata nel 2015, dopo un po’ di gavetta in altre importanti aziende. Come detto, mio padre si è deciso a farmi entrare nel momento in cui avrei dovuto trasferirmi in Cina e, quindi, allontanarmi anche fisicamente dall’azienda di famiglia e dalla famiglia stessa. Siamo un’industria metalmeccanica e questo settore è sempre stato considerato maschile. Noi siamo due sorelle, due donne e inizialmente lui era un po’ titubante, avendo forse paura di come potessimo essere accolte in un ambito “maschile”. Oggi siamo tutti molto contenti di come sono andate le cose. Io e mio padre abbiamo un rapporto bellissimo e lui ha molto fiducia in me e in mia sorella. 
Chi sarà il leader del futuro? Oggi mio padre è saldamente in sella, ma a me piacerebbe un giorno poter guidare l’azienda insieme agli altri membri della famiglia. Diciamo che mi sto applicando molto per poter in futuro ricoprire quel ruolo. Tra 10 anni mi immagino un’azienda che continua a crescere e che si apre sempre più all’internazionalizzazione, diversificando le proprie lavorazioni. Immagino poi che saremo più strutturati, forse con meno componenti della famiglia e più manager esterni.

 

Ppinox

Related Posts